DAL 1977 NON ABBIAMO MAI SMESSO
DI CERCARE L’ACQUA

EdilPozzi è l’azienda leader per la perforazione

Trivellazione e scavi di pozzi artesiani e pozzi freatici (o-norton), anche noti come pozzi a cisterna o a vanga.

Cura inoltre la realizzazione ed installazione di impianti geotermici.

Opera in Emilia Romagna, prevalentemente a ModenaBolognaFerrara e Reggio Emilia.

Quarant’anni di esperienza e attrezzature sempre all’avanguardia per garantirvi un servizio accurato.

Velocità ed efficienza nella realizzazione delle lavorazioni

Consulenza professionale, sempre aggiornata sulle normative

Affidabilità nel seguire le procedure burocratiche

edilpozzi-catodiche-04 (1)
getto
freatico_04
freatico_06
edilpozzi-pompe-06
POZZI ARTESIANI

POZZI ARTESIANI

PER CHI NECESSITA DI GRANDI QUANTITÀ D'ACQUA

POZZI ARTESIANI

POZZI FREATICI

POZZI FREATICI

PER CHI DESIDERA IRRIGARE ORTI, GIARDINI O ALBERI DA FRUTTO SENZA SPRECO DI ACQUA POTABILE

POZZI FREATICI

Pompe

Pompe

PER CHI NECESSITA DI UN SERVIZIO GARANTITO

Pompe

SONDE GEOTERMICHE

SONDE GEOTERMICHE

Il sottosuolo è una inesauribile sorgente di calore

SONDE GEOTERMICHE

SERVIZI PER LE AZIENDE E PER I PRIVATI

Consulenze
Installazione pozzi
Servizi dedicati prioritari
Verifica e sopralluoghi
Impianti geotermici
Procedure amministrative e burocratiche
Sondaggi per captazione falde acquifere
Pozzi freatici/drenanti
Geotermia
Procedure amministrative e burocratiche
Pozzi artesiani
Pompe sommerse autodescanti e verticali con sistema inverter
Riparazione e manutenzione
Tombamento pozzi
Tombamento/cementazioni pozzi in disuso, applicando le direttive regionali
Tombamento/cementazioni pozzi in disuso, applicando le direttive regionali
https://edilpozzi.it/wp-content/uploads/2024/06/Immagine-2024-06-07-112018.png

Collaboriamo con uffici tecnici, ingegneri, geometri e geologi per il rilascio di permessi di perforazione e/o manutenzione pozzi e installazione sonde geotermiche

DIRETTIVA UTILIZZO ACQUE PUBBLICHE USO DOMESTICO

Ambito di applicazione

Il proprietario di un fondo o chi sia legittimato in base ad un titolo all’utilizzo del fondo può liberamente estrarre e utilizzare le acque sotterranee ivi presenti, mediante un pozzo od altre opere di presa (nel caso delle sorgenti) per destinarle all’uso domestico. Chi intende esercitare prelievo e utilizzazione di acqua pubblica per uso domestico deve presentare una comunicazione alla SAC di Arpae competente per territorio, Unità Gestione Demanio Idrico in cui sono ubicate le opere di prelievo.

Utilizzi non compresi

Non sono considerati “uso domestico” tutti gli usi in cui l’acqua viene utilizzata per un’attività economico-produttiva. Per tutti questi usi dovrà essere presentata domanda di concessione.

Prescrizioni SAC

La SAC ha la facoltà di imporre prescrizioni ovvero di richiedere presentazione di domanda di concessione nel caso che non riconosca un utilizzo del prelievo ai fini domestici. Una volta effettuati i lavori, dovrà essere prodotta dall’utente (o dal perforatore per suo conto) e indirizzata ala SAC territorialmente competente, quale completamento alla comunicazione, una scheda descrittiva delle opere realizzate (nel caso si sia provveduto alla perforazione di un pozzo occorrerà inoltrare la “scheda pozzo” contenente tutti i relativi dati tecnici). Sono da considerarsi utilizzi ad uso domestico e non necessitano di autorizzazione o concessione tutti i seguenti utilizzi:

A. l’estrazione e l’utilizzazione da parte del proprietario del fondo di acque sotterranee, ivi comprese le sorgenti, destinate all’uso domestico;

B. la raccolta di acqua piovana in invasi e cisterne al servizio di fondi agricoli o di singoli edifici.

Fabbisogni riconducibili all'uso domestico

All’“uso domestico” sono riconducibili solo ed esclusivamente i seguenti fabbisogni del proprietario del terreno e del suo nucleo familiare escludendo qualsiasi attività tesa alla commercializzazione:

01. consumo potabile (in assenza di una rete acquedottistica);
02. consumo per uso igienici e assimilati a servizio della propria abitazione;
03. annaffiamento di giardini e orti (le superfici adibite a verde devono far parte dell’abitazione del proprietario del terreno su cui esiste il pozzo o delle parti comuni del condominio; nel caso di annaffiamento di coltura orticola, va esclusa tassativamente una eventuale commercializzazione dei prodotti);
04. abbeveraggio animali da cortile e/o bestiame (si ribadisce che gli animali allevati devono essere solo ed esclusivamente destinati a soddisfare le esigenze del proprietario del terreno su cui esiste il pozzo e quelle del suo nucleo familiare, escludendo qualsiasi attività tesa alla commercializzazione).

Direttiva ArpaeConsulta il sito dell'Arpae sull'utilizzo delle acque pubbliche per uso domestico
Dichiarazione uso domesticoConsulta il sito dell'Arpae sull'utilizzo delle acque pubbliche per pozzo uso extradomestico
RICHIEDI UN PREVENTIVO